0

Hyde Park Group: Food Innovation

Hit more info to choose! Browse through our FREE-themed collection. The zoomable canvas makes it fun to explore ideas and the connections between them. This one is Mac only, but it is such a comprehensive plugin that it has to be included here.

Activation code photoshop Elements 12: The Missing Manual

This is something you bequeath deprivation to cautiously see when you opt your activity. Hacks for clash of clans hack pop over to these guys. The Color Range command is similar to the Magic Wand Tool in that both are used to select areas based on tonal and color values, but that's really where the similarities end. Choose from over a million free vectors, clipart graphics, vector art images, design templates, and illustrations created by artists worldwide!

1

Hacked critical thinking and logical reasoning questions

Review of Silhouette Studio. International Code of Nomenclature for Cultivated Plants, Piers Trehane 9789994846313 9994846310 Midpoints - A Curriculum to Empower Young Adolescents, Arnold 9780944792261 094479226X Old planes, young men, and red wooden shoes, Sherman F Morgan 9781873687284. It can be run on almost any device that has access to a modern web browser. Firmware Update Mozilla Firefox for Mac 84 Beta 4 5 similar apps in Browsers.

Key download Photoshop Cs6 Master For Mac Torrent

Melleyonnu Paadi Ninne Manassinakkare 2020 Pradesh. Bullguard antivirus 2020 keygen. Critical thinking and logical reasoning questions. This photo editor repeats popuplar software for edit photo - it's easy to do editing (face replacement in photos, hair adjustment).

2

Key generator download system shock remake kickstarter Free for Mac

Adobe cs4 master collection free download - Adobe Creative Suite 5.5 Master Collection. The Career Code Getting There Wireless Networks Remote Sensing Macroeconomics Breakfast & Brunch 101 Change Better How to Play the Game at the Top Edgar Allan Poe Between the Bullet and the Lie Going Mobile Building Bridges From the Mongols to the Ming Dynasty Fairest Faust A Brief Introduction to Piaget The Crisis of Britain's Surveillance State Remembering Margaret Thatcher The Dawning Age. Photoshop cs6 italiano crack mac and cheese. Cracked softwares full s games.

"Adobe Cs6 Serial Number Location In Registry Baton" by

From learning your way around the CS6 Adobe software to applying layer styles, this book has it all including tips on how to adjust and correct colour and how to use the various design elements with Paint and Draw. Dada Life April 2020 Mixtape. The best selection of Modern Fonts for Windows and Macintosh. Andare nella cartella Keygen + Crack / Keygen / Crack-Windows e Per caso ne hai una anche per MAC.

3
  • Mastering Photoshop Layers: A Photographer's Guide
  • WinRAR (free version) download for PC
  • Initial Server Setup with Ubuntu 18.04
  • Free Calligraphy fonts - Urban Fonts
  • Modern Fonts - 1001 Free Fonts

Blender Project Shabbat Search Engine JewJewJew.com

Prezi is a cloud based presentation software that opens up a new world between whiteboards and slides. If the Magic Eraser erases something you don't want to erase, you can press Ctrl + Z or Command + Z to undo the last thing you did. Ess Maestro 2 Es1968s Driver Windows 7. The result: visually captivating presentations that lead your audience down a path of discovery.

4

Keygen download, Discover, Share on Uptodown - App Downloads for

Office 2020 Home And Student Product Key. Tantalizing menu selections often begin with delectable spring rolls filled with goat cheese, artichokes and red peppers. Bleed The Sky Paradigm In Entropy. Any pixels that are less than 50% selected will fall outside the selection.

Patch scenario Based Questions In Software Testing

Advertising Agency Chennai. Click here for more info about CCleaner Mac Or how about Defraggler, our Disk Defragmentation tool. Tickets to the "i am not tourist" Job Fair for Internationals are available at the discounted price of EUR 12.50 on line and EUR 17.50 at the door. Amtlib DLL Crack + Patcher.

5

Registration key 100, 000+ Free Fonts

Customers rave about the home-made ravioli stuffed with roasted butternut squash and mutzu apple in a ginger, bacon, sun dried tomato cream sauce. Includes tests and PC download for Windows 32 and 64-bit systems. A lot of you are always asking about my diet and workout routine. Short essay on cleanliness and hygiene.

Handwriting Fonts - 1001 Free Fonts

WinRAR is mentioned in best file compression tools of 2020. Get free Adobe cs6 master collection Mac full version for Mac OS X Yosemite - Crack solutions with Keygen, Serials and Path - free torrent download link! Dzsoft Php Editor 4 2 7 64. Lagu Endank Soekamti Long Live My Family. Arguru Aodix V4 0 0 2 By Beat Cracked.

6

Brain Emulation Workshop: Comment on Structure of a Brain

Textures vray stucco mcgraw hill 4th grade social studies book for indiana pdf Doyle Bramhall II Jellycream. Multi-platform secure password manager. Torchlight 2 serial key. RhinoAdobe Flash Cs55 Keygen Collection Serial Key for MAC.

  • Mockup PSD, 111, 000+ High Quality Free PSD Templates for
  • Adobe Photoshop Cs6 Full Torrent Download
  • Affinity – Professional Creative Software
  • Free Online Form Builder & Form Creator
  • Flickr: All Kris Kros' tags
  • Sonix 102p driver mac
  • Apple, iPhone, Mac Discussion
  • Graffiti Fonts - 1001 Free Fonts
  • Photoshop apps - desktop, mobile, and tablet
7

Serial number tucows Downloads - Freeware and shareware downloads

Photoshops layers are arguably the most powerful aspect of the softwares user interface and are the key to successful image editing in Photoshop. Adobe Photoshop CS5.1 serial. WASHINGTON - Agriculture Secretary Sonny Perdue is moving forward with plans to. This program full experienced in playing Windows exclusive games together with some other Windows plans on Mac OS X. Through the use of this software, the conversion of a virtual machine from Boot Camp is much more comfortable.

Free fun Foto Shabbat Search Engine JewJewJew.com

Photoscape terbaru full cracked. Thousands of free icons in the largest database of free vector icons! We have the best collection of professional templates, charts, diagrams and info-graphics.

8

Photohop Online Free - Cool Editor

RoboForm: Manage your passwords with ease and security
1 TechSpot: Tech Enthusiasts, Power Users, Gamers 89%
2 Sans Serif Fonts - 1001 Free Fonts 27%
3 Cleandungeon.com -- Quillon Dagger 71%
4 How To Use The Color Range Command In Photoshop 14%
5 Top 100 Free fonts - Urban Fonts - Download Free Fonts 60%
6 Free vector icons - SVG, PSD, PNG, EPS & Icon Font 80%
9

I miei titoli preferiti dal 1945 al 1948

Ho cambiato il titolo del post perché col dopoguerra diventa molto più vasto l'assortimento di film, serie tv, corti e miniserie, e diventa sempre più arduo per me pensare di poter condensare temi e movimenti, aneddoti e mini-recensioni in modo tale da non scordare niente e non trascurare niente. E' una questione di carattere. Per cui mi concentro su quello che mi è rimasto e che mi ha colpito di più, il che non necessariamente è il meglio dal punto di vista critico. Questo renderà i miei post sicuramente meno interessanti per chi legge, ma più semplici per chi scrive, e non mi sentirò a disagio per tutte le mancanze che inevitabilmente qualcuno segnalerà.
1945
DI quest’anno ho visto 111 titoli intorno al 2015. È l’epoca degli esordi di Frank Sinatra, Robert Mitchum e Gene Kelly, dei sofisticati noir con Bogart, Alexis Smith, Jane Greer, Dick Powell, dei b-mystey con Boris Karloff o Basil Rathbone e ovviamente dei primi film neorealisti. Sono in auge Bing Crosby, Lauren Bacall, Joan Leslie, Joan Bennett, i cartoni animati, lo zucchero filato, la radio e il melodramma popolare.
Parlando di melodramma voglio segnalare “So dove vado”, di Powell e Pressburger, con protagonista Wendy Hiller, una delle attrici più sofisticate ed eleganti di sempre; “Gli amanti del sogno” con Joseph Cotten e Jennifer Jones, un classico melò e poi i film con storie di fantasmi e di aldilà, di sedute spiritiche e di persone intrappolate tra una vita e l’altra. “Spirito allegro” è tra i migliori di questo tipo.
Il primo dopoguerra è il periodo dell’ascesa di Anna Magnani. L'ho vista in “Abbasso la miseria!” e chiaramente in “Roma città aperta” insieme a Fabrizi. Ero molto piccolo quando in tv diedero questo film e vidi la Magnani colpita a morte, crollare al suolo mentre il camion si allontanava. Capivo poco, ma quella scena è rimasta conservata in un angolo del mio cervello per 40 anni. Rivisto, il film non è solo quella scena, c’è molto altro. Ti apre un mondo, è come quando metti il lato B di un vinile, o quando devi cambiare linea della metro, o quando non ti entrano più i pantaloni perché sei ingrassato: sembra niente e invece è tutto. Dopo aver visto questo film automaticamente il resto è vecchio, non ti prende più. Dopo 4-5 anni ora trascorsi coi muti e con gli anni ’30 avevo voglia di cinema italiano, volevo vedere i palazzi fatiscenti, i manifesti sui muri, i vestiti a fiori. È uno spartiacque tra quello che credevi ti piacesse e quello che ora sai che ti piace di più.
Mi piace la parte iniziale de “L’uomo del Sud” di Renoir, con l’ostinazione di Beulah Bondi a non entrare in casa dei figli e mi piace il ghigno di George Sanders in “Io ho ucciso!”, noir di Siodmak. Sanders in realtà è uno degli attori con più personalità mai visti, ed era impiegato generalmente in parti di uomo infido, arrogante, o complicato, pur in apparenza restando sempre un perfetto gentleman. Suo fratello era Tom Conway, che pure ebbe una bella carriera nell’horror e nei b-movie in genere. Quest’anno vinse l’oscar il Ray Milland di “The lost weekend” che affronta in modo realistico per l’epoca il dramma dell’alcolismo.
In “Detour” abbiamo un b-noir, un piccolo film con l’attore Tom Neal, begli occhi e pugno facile. Neal finì pure in galera per le sue intemperanze, la sua carriera di livello inizia e finisce qui. Il film è molto interessante, è una specie di road-movie-noir, è una piccola perla. Naturalmente di noir con controfiocchi ce ne sono eccome. “Mi chiamo Giulia Ross”, in cui la povera Nina Foch non ci capisce più niente se sta a sentire ai due volponi con cui vive; “La strada scarlatta”, che vede il certo non prestante E.G. Robinson subire il fascino della splendida Joan Bennett, e fa l’errore di credere che lei sia interessata veramente solo a lui e non ai suoi soldi; “Io ti salverò”, dove Gregory Peck è così giovane e bello che se fossero tutti come lui Photoshop fallirebbe.
Il romanticismo è nelle strade della metropoli ne “L’ora di New York”, in cui Judy Garland e Robert Walker si incontrano per caso. Questi amori nati per caso sono un veleno per tutti gli ingenui e per tutti gli ottimisti: non credeteci, non vi accadrà. Al massimo, credete a “Breve incontro” di Lean. C’è poco Disney qui dentro, c’è un mondo di speranze e di attese che si brucia nel giro di pochi secondi, nei quali tenti di afferrarle e nel farlo esse svaniscono per mai più tornare.
Joan Crawford ha il ruolo del decennio in “Il romanzo di Mildred”. La Crawford adorava fare la parte della vittima che però è piena di risorse e riesce a cavarsela nonostante tutto. È il suo marchio di fabbrica, come per la Dietrich mostrare le gambe o per John Wayne andare a cavallo. Mildred ha successo perché è anche uno scontro generazionale tra chi si suda la pagnotta e chi invece vuole tutto e subito. Il personaggio della figlia Veda è uno dei più odiosi mai visti. Quando la Crawford la schiaffeggia ti si rilasciano le endorfine. L’attrice Ann Blyth fu giustamente candidata all’Oscar e dopo la morte di Olivia de Havilland ora è lei e Angela Lansbury a detenere lo scettro della più antica nomination per un attore ancora in vita.
Voglio poi citare un corto che si chiama “A star in the night”, col Natale che si avvicina vi piacerà; e il terrificante documentario “i campi di concentramento nazisti”, con immagini violentissime e impossibili da ignorare.
1946
126 sono i titoli che ho visto di quest’anno: animo dunque e facciamo ciao ciao con la manina ai vari Van Johnson, John Mills, uomini e donne lupo, il cucciolo, Hanna & Barbera, e Alan Ladd. Salutiamo anche Paulette Goddard, i perduti amori della Crawford e il “Grattacielo tragico” in cui lavora Lucille Ball. Memorabili gli infiniti gradini della “Scala al Paradiso”, con lo struggente scambio telefonico tra Niven e Kim Hunter, e il guardaroba di Lana Turner ne “Il postino suona sempre due volte”. Incredibile la silhouette di Loretta Young ne “Lo straniero” di Welles e interessanti le soluzioni di camera di Robert Montgomery in “una donna nel lago”.
Una gita in campagna” è il mio preferito di Renoir. È un corto ambientato a inizio secolo, con una famiglia parigina che si concede una scampagnata. Due buontemponi adocchiano mamma e figlia e scatta la caccia. Mentre la mamma si diverte e gioca a farsi rincorrere dal suo satiro la figlia è sotto l’incantesimo del momento, e ne resta vittima. Improvvisamente, le fragole hanno un diverso sapore, e il sole è più splendente. L’acqua del fiume scorre senza far rumore, e quando i tuoi occhi si aprono, un capitolo si chiude.
Non mi piace particolarmente Cocteau, ma “La bella e la bestia” sì, sarà forse anche per la prova di Jean Marais e il suo magnetismo, o forse per l’atmosfera surreale è così diversa dal resto dei film che ho visto di quest’anno. “Il grande sonno” è un film pieno di atmosfera, un noir classico e uno dei 4 film che Bogart e Bacall girarono in successione a metà anni ’40. Bogart era già una star mentre la Bacall una modella. I due avevano tanti anni di differenza ma si presero subito e diventarono la coppia simbolo di Hollywood. Avrebbero avuto solo 10 anni insieme.
Anime ferite” è un dramma di guerra in cui Robert Mitchum è giovanissimo e ha una bellezza inquietante, anche se all’epoca il ragazzo da copertina era l’altro protagonista, Guy Madison. Costui poi proseguirà la carriera nei b-movie, ma per qualche anno fu considerato il volto più bello di Hollywood. In Anime ferite c’è Dorothy McGuire, dimenticata attrice presente quest’anno anche nella “Scala a chiocciola”, dark mystery che è anche una delle ultime prove di George Brent.
Di “Duello al sole” è memorabile il rosso fuoco della seconda parte, la Jones che perde le sue inibizioni e scioglie i capelli al vento e uno dei cast più sensazionali di sempre, con almeno 10 attori di grande qualità, in prima fila i fratelli rivali Cotten e Peck e il ritorno della star del muto Lillian Gish.
I gangsters” è sensazionale ed è una ventata di novità, è una pagina nuova. Ci sono volti nuovi, un ritmo nuovo, colpi di scena e un approccio diverso al crime movie. È già dopoguerra qui. Burt Lancaster è nella mia top ten, mentre Ava Gardner è così bella che sembra fatta col CGI.
Abbondano i film italiani di qualità. Mi fa commuovere “Mio figlio professore”, del periodo migliore di Aldo Fabrizi, bella l’atmosfera di “Roma città libera”, in cui una giovanissima Valentina Cortese si affida ad Andrea Checchi e ovviamente ci sono i titoli più famosi come “Paisà” e “Sciuscià” che tra i due è il mio preferito. De Sica sapeva ottenere miracoli dai suoi attori bambini. Interlenghi fu destinato a lunga carriera, ma tutto il cast è di livello. Ambientato in un carcere minorile, il dramma che vivono questi ragazzi è indimenticabile.
“I migliori anni della nostra vita” è il film sui reduci della II guerra mondiale, visto con gli occhi dell’America del primo dopoguerra. Ci sono tre militari che tornano in città: Fredric March, di grado maggiore, trova la famiglia benestante con Myrna Loy e Teresa Wright; Dana Andrews, ex gelataio, ha una famiglia sgangherata e la sua ragazza, Virginia Mayo, l’ha già dimenticato; Harold Russell invece ha perso le mani, ma non l’amore della fida Cathy O’Donnell. Riadattarsi alla vita di tutti i giorni non sarà semplice perché la città è cambiata, le abitudini anche, e le persone pure. Il film fece incetta di Oscar.
Gilda” si riassume solitamente nella famosa scena in cui Rita Hayworth si mostra al pubblico, fulvi capelli al vento e sguardo seducente e carico di significati. Questa è la scena preferita di Andy Dufresne, dopotutto. La Hayworth aveva fatto un sacco di gavetta come ballerina di fila. A inizio anni ’40 matura come donna e come attrice, ma fu incastrata in ruoli che si somigliavano. Fu Orson Welles a un certo punto a provare a trasformarla. Qui la Hayworth è opposta a Glenn Ford, grande “uomo qualunque” del noir, un volto che poteva andar bene in ogni epoca e che quindi non stanca mai.
La vita è meravigliosa” è il primo film di Capra che ho visto, avevo solo 6 anni (ma non era il 1946) e forse per questo mi piace tanto questo regista, è una specie di imprinting che ho ricevuto. Da bimbo mi piacque il lieto fine e l’angelo Travers, gli abbracci e la felicità che provavano Stewart e Donna Reed. Da grande, invece pure.
In “Notorious” Alfred Hitchcock prende la Bergman e la mette in pericolo, così siamo tutti in pensiero. Non ci concede niente, non sappiamo se le cose peggioreranno, non sappiamo come se la caverà, Hitchcock ci stuzzica. Anche la famosa scena del bacio, lunghissima, ci stuzzica a lungo. Hitchcock doveva evitare i paletti del codice Hays, per cui non poteva lasciare che le labbra si toccassero per più di 3 secondi, ma non stava scritto da nessuna parte che potevano essere a lungo così vicine, tanto vicine…
1947
Ho visto 139 titoli di quest’anno. Siamo verso la fine della Golden Age, la Tv si fa lentamente strada negli USA, abbondano i noir, i melodrammi, è in fioritura il neorealismo e ci sono molti corti di futuri registi di serie A. Inizia la fortunata serie di Ma e Pa Kettle, ed è l’anno della magrissima Loretta Young (“La moglie del vescovo” e “La moglie celebre”), dell’ultima grande prova della star del muto Colman (“Doppia vita”) e del “Bacio della morte”, con Victor Mature ancora non dedito ai peplum e in grado di mostrarsi ottimo attore.
Burt Lancaster e Kirk Douglas iniziano una lunga serie di film insieme, mentre Chaplin torna dopo secoli, con “Monsieur Verdoux”. Titoli di successo per John Garfield, pugile di “Anima e corpo”, Dana Andrews (“Boomerang, l’arma che vendica”) ed Henry Fonda che è circondato dalla polizia e pare senza scampo in “La disperata notte”. “Il miracolo della 34esima strada” è invece il film di buoni sentimenti dell’anno, con tanto di Babbo Natale, amori impossibili nati per caso e la bella sfilata dei carri.
Robert Mitchum mette a segno un doppio colpo, è nel cupo “Notte senza fine”, in cui l’implacabile madre Judith Anderson lo mette alla porta, e ne “Le catene della colpa”, che è tra i noir più famosi forse grazie anche alla spietata Jane Greer, raramente si è visto un personaggio così senza scrupoli sullo schermo.
In Italia trionfano Fabrizi, Totò, de Filippo, Girotti e l’americano John Kitzmiller. Tra i film più belli un rarissimo action movie: “Caccia tragica”, con le star degli anni ’40 Vivi Gioi, Carla del Poggio e Andrea Checchi e “L’onorevole Angelina”, tour de force di Anna Magnani, a quell’epoca già indiscutibile star.
Mi piace molto “Una meravigliosa domenica” di Kurosawa. Non ci sono samurai, siamo in compagnia di una coppia in una domenica qualunque del primo dopoguerra. Mancano i soldi, ma c’è voglia di rimettersi in gioco e ricominciare a vivere. È un dramma, certo, però non fa venire il magone, è delicato e puoi decidere se cogliere il messaggio di speranza anziché quello di disperazione, perché ci sono entrambi.
I dubbi abbondano in “La seconda signora Carroll”, in cui la Stanwyck si chiede chi sia veramente il Bogart di cui si è innamorata; in “Dietro la porta chiusa”, la storia di Barbablù in pieno 1947 e nel celebre “La signora di Shanghai”, in cui niente è ciò che sembra e tutto ciò che davi per certo ti compare davanti agli occhi come qualcosa che non conoscevi, come la trasformazione della Hayworth o semplicemente te stesso, quando ti guardi davanti allo specchio e non sai più chi sei.
Forza bruta” è un film tutto al maschile in cui c’è una rivolta in un penitenziario perché i detenuti sono stanchi delle angherie dell’odioso aguzzino Hume Cronyn. Con Burt Lancaster in testa, i detenuti portano a termine la loro impresa, ma pagano un duro prezzo.
Barriera invisibile” è uno film di Elia Kazan in cui Gregory Peck decide di fingersi ebreo per capire quali siano le difficoltà che questo poteva comportare nella vita di tutti i giorni, anche a guerra ormai finita. È un film intelligente e con ottimi attori, tra cui il mio pupillo Garfield e la sempre sorridente Celeste Holm, che vinse l’oscar.
Il fantasma e la signora Muir” è il fantasy definitivo sui fantasmi che tanto andavano negli anni ’40. Rex Harrison è l’elegante e disinvolto fantasma che seduce la magnifica Gene Tierney, giovane vedova che ha da poco acquistato la casa stregata. Romantico e coloratissimo.
1948
Sono ben 163 i titoli visti in quest’anno, d’altra parte col dopoguerra cominciano ad essere tanti di più i film italiani, e io cerco di vedere tutti quelli che riesco, per cui ho fatto incetta di Totò, Macario, Fabrizi, de Filippo, Cervi, Magnani e di polpettoni vari. Mi sono piaciuti “Assunta Spina”, “Germania anno zero” e soprattutto “Gioventù perduta”, “Senza pietà” e “Anni difficili”. Ma sono tanti i film italiani degni di segnalazione e per uno che cito, di 2 mi scordo. Andrebbero poi visti anche i corti documentari di Michelangelo Antonioni, ad esempio “Sette canne, un vestito”, oppure “N.U.”. Praticamente è un documentario anche “La terra trema” di Visconti, mentre memorabile è l’amicizia tra Oscar Blando e Francesco Golisano in “sotto il sole di Roma”, un film pieno di volti nuovi e in una piccola parte Alberto Sordi.
Quest’anno escono poi le prime serie tv, per esempio la famosa Candid Camera, e le prime antologiche. Ci sono le prove scespiriane di Welles e Olivier, esordisce il tormentato Montgomery Clift, la serie di Mr. Belvedere, la De Havilland finisce per impazzire nella “Fossa dei serpenti” e Ava Gardner aveva un vitino da vespa. Con “Naked City” emerge un noir molto realistico che avrà felice collocazione nelle serie tv. Più classico invece “La donna del bandito”, con l’infelice e tormentata coppia Granger-O’Donnell.
Pieno di novità e molto amato il film più famoso di Powell & Pressburger e cioè “Scarpette rosse”, verso il quale non ho molta affinità ma non posso non citarlo. Sempre inglese è l’ottimo “Idolo infranto”, di Carol Reed, ambientato in una bella e solitaria villa in cui un ragazzino (un po’ antipatico) è testimone di un crimine.
Tra i miei Kurosawa preferiti c’è “L’angelo ubriaco”, con la coppia numero uno Takashi Shimura e Toshiro Mifune, che si complementano come lo Yin e Yang. Qui c’è il legame tra un dottore ubriaco che diventa l’angelo salvatore di un irascibile gangster. Mi piacciono queste amicizie imprevedibili.
Il tesoro della Sierra Madre” è uno dei film chiave di John Huston, che qui dirige papà Walter e offre a Bogart un ruolo complesso, in cui gradualmente si mostra sfigurato per l’avidità e la smania di potere. È un ritratto psicologico inconsueto in quello che apparentemente è un western.
L’isola di corallo”, è a sua volta uno studio di caratteri, qui c’è un gruppo di personaggi tenuti in ostaggio da un gangster. La parte più toccante è la canzone di Claire Trevor. Lionel Barrymore trascorre tutto il film in carrozzina: l’anziano attore era affetto da gotta e i dolori erano insopportabili, per cui per tutta l’ultima parte della carriera resta sempre seduto in ogni film.
I tre moschettieri” è una brillante versione della classica storia di Dumas, con protagonista Gene Kelly, ma non è un musical per fortuna. Gene Kelly era amatissimo, spavaldo e arrogante. Qui è contorniato da star di primo ordine tra cui Van Heflin, Lana Turner e Angela Lansbury, che è una di quelle attrici che abbiamo amato così tanto da quando è anziana che si fa fatica a credere che un tempo avesse anche parti da giovane principessa.
Il terrore corre sul filo” è un bel thriller in cui Barbara Stanwyck (che carriera) è costretta a letto e passa il tempo al telefono. Un giorno ascolta un’interferenza in cui si progetta un delitto. Prova ad avvisare la polizia ma ci sono troppi pochi elementi per capire chi sarà la vittima. Col passare delle ore e delle telefonate si accorge che la vittima è lei. La Stanwyck è una di quelle attrici capaci di reggere tutto il peso di un film su di sé.
Con “Johnny Belinda” vince l’oscar Jane Wyman, nel ruolo di una ragazza sordomuta che subisce violenza sessuale. Il film è drammatico, ma pieno di momenti delicati. Il legame tra la Wyman e Lew Ayres è tenero, così come i sentimenti di papà Bickford. È un film datato, ma consacrò la Wyman reginetta del melodramma.
Nodo alla gola” è un esperimento di Hitchcock in cui ci sono 6 lunghissime sequenze cucite in fase di montaggio affinché il tutto sembri una sequenza continua. Due compagni, lo spavaldo John Dall e il timido Farley Granger, hanno commesso un omicidio e occultano il cadavere in un baule, poi organizzano un ricevimento e nessuno sembra accorgersi di quello che è successo. Ma James Stewart sospetta qualcosa.
Lettere da una sconosciuta” di Max Ophuels fu all’epoca da alcuni considerato il più bel film mai realizzato. In effetti è coinvolgente, è elegante, ti fa riflettere ed è ben recitato. Ophuels era noto per i suoi fluidi movimenti di macchina, e qui si muove in una storia d’amore sfortunata. La timida Joan Fontaine, chi altri, è innamorata del pianista Louis Jourdan. Il suo fascino è irresistibile. La Fontaine si costruisce una storia d’amore e la vive nei suoi sogni e nei suoi desideri. Quando i due si incontrano davvero sono a livelli diversi di bisogni e consapevolezza. Jourdan usa la Fontaine, che ne resta distrutta, eppure si incontreranno nuovamente. Questo è il film dei rimpianti e dell’ingenuità, ed la storia di tutti quelli che vivono mille vite nei propri pensieri, mentre la propria si consuma pian piano.
Ladri di biciclette” ti colpisce già dalla prima scena e dall’incredibile colonna sonora, penetrante e triste. Credo che sia un film dal linguaggio universale, ma i luoghi, i volti, le strade e i bisogni sono permeati di un’italianità così intensa che chiunque abbia vissuto nella povertà o in un contesto simile risulta sconvolto dal crudo realismo della storia. D’altronde, è forse il capolavoro principale del neorealismo. Il legame tra padre e figlio in questo film è profondo e non necessita di spiegazioni. Il film è ricco di scene che colpiscono duro, in primis la disperazione di Maggiorani accerchiato dalla folla che lo accusa di furto. Questo è uno di quei film che è capace di cambiarti la vita, ed è nella mia top ten del cinema italiano di tutti i tempi.
submitted by yabluz to italy

Risorse emerse durante il lab del 13-11

Come detto oggi, questo è veramente un elenco imperfetto e disadorno delle risorse emerse nelle vostre presentazioni. Siete invitati a inviare descrizioni sintetiche, correzioni o nuove risorse, scrivendo post nel forum, commenti a questo post o anche via email: [[email protected]](mailto:[email protected]).
Aurora l'ha già fatto :-)

Luca Sperandeo

Benedetta Gagliardi
Scuola infanzia all'aperto: Scuola dei sentieri
Il museo sospeso
La gita sospesa
Poi fatto ebook (con?)

Rosa Fruscione
La notte della Geografia
Storyboard e realtà aumentata
Foto 360°
Usato Powntoon
Piazza Sabbato

Margherita Patalano
Il treno della memoria
Didattica laboratoriale con inserimenti di realtà aumentata
Screencastomatic
Spreaker
Zapwork

Marta Iannelli
Mindlab
Attività laboratoriale con giochi da tavolo

Matteo Bianchini
Costruire artefatti (con Lego) in parti scomponibili e componibili, produrre istruzioni e poi fare ricostruire...
Video che abbiamo visto

Rubin Gaia
Coding con
Ozobot
Coding con pixel art usando
ZaplyCode
Padlet per condividere

Aurora Abatemattei
Giochi all'aperto propedeutici alla robotica educativa
Coding unplugged
https://csunplugged.org/en/
(libro in italiano -PDF: https://classic.csunplugged.org/wp-content/uploads/2016/02/csunplugged-it.2015.1.0.pdf)
BeeBot

Sara Campana
Studio controllato sull'efficacia di giochi cognitivi nel calcolo e nel problem solving
Wordwall
Learningapps
code.org
Presenrtazione in Prezi:
https://prezi.com/view/yWCxK0V2NrHA5tyPSGiw/
Francesca
(volti nei quadri...)
Photoshop
Audacity
iMovie
movieavi
Il tempo delle tele
https://www.thinglink.com/scene/1289342435742187522
Giotto in classe
https://www.youtube.com/watch?v=w1eLWkunG4U

Sara Corsi
Pacifici della natura e pacifici delle parole
Manifesto comunicazione non ostile
Google presentazioni e Google video

submitted by andreas-formiconi to DidEDigUniPD20